Cuori di Pasqua abruzzesi, una tradizione di mandorle e sapore


Pupe, Cavalli e Cuori di Pasqua abruzzesi: la tradizione della nostra regione è racchiusa in questi dolci squisiti, elaborati e poetici. Non era Pasqua se le nostre nonne non ci preparavano i Castelli, dolci con un cuore di mandorle a forma appunto di Pupa, di Cavallo o di Cuore. Erano splendidi capolavori di dolcezza e di inventiva, ricoperti di cioccolato e decorati con lo zucchero. La ricetta che vi proponiamo oggi è quella della nostra amica Angela, che ogni anno celebra la festa con i suoi Cuori di Pasqua abruzzesi, da lei preparati sempre in modo magistrale, affinché la tradizione non si rompa e il sapore dei Castelli continui ad essere tramandato.

Cuori di Pasqua abruzzesi, l’impasto

Per preparare i Cuori di Pasqua abruzzesi occorrono diversi ingredienti, perché l’impasto è davvero ricco ed elaborato. Se volete sfornare tre cuori di piccole dimensioni, vi occorrono 12 uova, di cui 2 intere e 10 rossi, 300 grammi di mandorle leggermente tostate e tritate, 300 grammi di farina, 300 grammi di zucchero, 2 cucchiai di olio o strutto, 4 grammi di ammoniaca, una bustina di cannella in polvere, un po’ di liquore, cioccolato a scaglie e un limone grattugiato. Le uova vanno sbattute con lo zucchero, quindi vanno aggiunti tutti gli altri ingredienti, tenendo per ultima l’ammoniaca. A questo punto l’impasto è pronto, è ora di preparare il ripieno.

Cuori di Pasqua abruzzesi, il ripieno

Il ripieno dei Cuori di Pasqua abruzzesi richiede acqua, zucchero e mandorle spellate e tritate. Bisogna fare attenzione a usare esattamente la stessa quantità per tutti e tre gli ingredienti: in questo caso ne occorrono 200 grammi ciascuno. Per il ripieno occorrono inoltre un po’ di cannella in polvere, cioccolato in scaglie e una piccola quantità di liquore. L’acqua va bollita con lo zucchero, quindi vanno uniti tutti gli altri ingredienti. All’interno di uno stampino a forma di cuore va steso uno strato di impasto di circa mezzo centimetro, va quindi versato il ripieno e, infine, un nuovo strato di pasta. Una volta cotto, il cuore va decorato con cioccolato fondente fuso e glassa.


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.