Bocconotti, eccellenza abruzzese alla conquista dell’Italia


Tanto buoni da divorarli in un sol boccone. È per questo che i Bocconotti, dolci tipici della tradizione abruzzese, si chiamano così. Il Bocconotto è un capolavoro di frolla che, nella ricetta originale, racchiude un cuore di cioccolato fondente, mandorle e cannella. Fra i simboli della regione c’è il Bocconotto di Castel Frentano (CH) che oggi, grazie anche all’iniziativa della Bottega del Bocconotto della famiglia Bucci, sta conquistando consensi ed estimatori ben oltre i confini regionali, raggiungendo città come Milano o Venezia.

Bocconotti abruzzesi, fra storia e leggenda

Come ogni storia di sapore, anche i Bocconotti abruzzesi hanno un’origine che assume i contorni della leggenda. Questi dolci golosi ed eccezionali sarebbero nati a cavallo fra il XVIII e il XIX secolo. Pare che, per sorprendere il suo nobile padrone, una cuoca di Castel Frentano abbia realizzato quello che sarebbe presto diventato un’eccellenza del territorio abruzzese, un vero e proprio simbolo della golosità regionale. L’importazione di cioccolato e caffè era appena iniziata. La donna inventò quindi un dolce che ricordasse una tazzina di caffè ripiena di cioccolato e mandorle, con un coperchio di pasta frolla spolverato di zucchero a velo.

Ricetta Bocconotti

La ricetta originale dei Bocconotti è oggi custodita, fra gli altri, dalla Bottega del Bocconotto della famiglia Bucci. Per realizzare questi dolci tipici abruzzesi occorrono uova, zucchero, farina 00, cioccolato fondente, mandorle, cannella, olio, acqua, zucchero a velo e olio extravergine di oliva. Dopo aver preparato la pastafrolla, bisogna ricreare la classica forma del Bocconotto, simile a una tazzina di caffè. Si inserisce quindi il ripieno e, con estrema cura, si posiziona il cappello di pastafrolla. Oggi esistono tante varianti per il ripieno dei Bocconotti, dalla crema pasticcera alla crema al limone, dalla crema al cioccolato a quella di caffè. La modernità dialoga con la tradizione, custodendo il gusto senza tempo di questa eccellenza regionale.


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.