Foto con fantasma. A Liscia (CH) un mistero ancora tutto da svelare


Un sabato sera, un gruppo di amici, qualche scatto per riderci su. Ma cosa accade se fra le immagini realizzate con lo smartphone spunta una presunta foto con fantasma? Prima di raccontare questa storia teniamo a dire che, per decidere di pubblicarla, abbiamo analizzato attentamente questa foto. Ci siamo avvalsi dell’aiuto di esperti, abbiamo esaminato i metadati, ci siamo sforzati di mettere in atto tutte le azioni necessarie per assicurarci che la presunta foto con fantasma fosse autentica. E sì, possiamo dire che questa foto inspiegabile è autentica. Nessun ritocco, solo un grande mistero che abbiamo provato a indagare in punta di piedi.

Fantasmi nella foto scattata nel bar Di Santo?

Tutto è cominciato un sabato sera di fine novembre scorso a Liscia, in provincia di Chieti, nel Bar Di Santo che si trova in via Vignola. Il 23enne Lorenzo Di Giacomo è in compagnia dei suoi amici. La mezzanotte è passata da poco e lui decide di scattare un paio di foto alla sua comitiva. Dopo averle realizzate nemmeno le guarda e prosegue la sua serata. “Mi sono messo a scorrere le foto il giorno dopo – racconta Lorenzo – e quando ho visto il volto riflesso sulla vetrina del bar ho cominciato a farmi tante domande. Mai mi sarei aspettato di trovare fantasmi nella foto, o presunti tali”. Il ragazzo, assieme ai suoi amici, ha iniziato a chiedersi chi potesse essere la figura che appariva sulla vetrata.

Dubbi e ipotesi sulla foto

Quello che ci lasciava perplessi era la natura del riflesso – spiega Lorenzo – abbiamo anche provato a rifare la foto, sempre di sera e sempre nello stesso posto. Qualcuno di noi si è addirittura messo dietro la vetrata, ma non siamo riusciti a ottenere di nuovo quel tipo di riflesso”. La foto, inspiegabile, ha fatto sorgere diversi dubbi e tante ipotesi. Analizzandola nella maniera più razionale possibile, si potrebbe pensare che il volto sia di una persona in quel momento in piedi nel bar, posizionata sotto a un faretto o sotto una delle luci del soffitto del locale. Si può infatti notare un punto luce sulla fronte come illuminata dall’alto, esattamente come sulle persone presenti in sala. Si tratta quindi del semplice riflesso di un avventore?

Una foto inspiegabile

La spiegazione, sia pur plausibile, non trova però riscontro nei racconti dei ragazzi. “C’eravamo solo noi nel locale quella sera – dice Lorenzo – oltre alle poche altre persone che si vedono nella foto. In quel volto, inoltre, non riusciamo a riconoscere nessuno e mentre facevo lo scatto non mi sono assolutamente accorto che ci fosse qualcuno dietro al vetro”. Liscia è un paese di montagna con poco più di settecento abitanti. Ci si conosce tutti e se qualcuno viene da fuori lo si nota subito. Nel bar Di Santo, però, quella sera c’erano le persone di sempre. Il titolare del locale, Davide, pare inoltre aver riconosciuto nel volto della presunta foto con fantasma, quello di un ragazzo morto negli Anni Novanta in un altro bar del paese, per un malore improvviso. Se si tratti di uno scherzo della luce, di un riflesso ingannevole, oppure di un’anima in cerca di pace, non lo sapremo mai. Ci resta una foto inspiegabile, un mistero che esige rispetto e un interrogativo che, probabilmente, resterà per sempre aperto.


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.